Rassegna

ORI E TESORI

 
MONILIA I gioielli delle matronae romane. Dalle ville pompeiane al territorio
SABATO 2 APRILE ORE 17.00
Inaugurazione della stagione museale
 
Incontro con Laura Schirru, giovane operatrice del Civico Museo Archeologico di Mergozzo, che presenterà lo studio realizzato per la tesi di laurea in Scienze dei Beni Culturali dedicato agli splendidi gioielli d’età romana della Villa B di Oplontis.

Italiano

Musei da gustare

La cucina tradizionale sposa le eccellenze culturali. E attraverso questa ideale unione tra musei e ristoranti, l’Ossola mette in vetrina i suoi gioielli gastronomici ed artistici. Grazie al progetto MUSEI DA GUSTARE i visitatori avranno l’opportunità di percorrere un itinerario completo tra usi, costumi, tradizioni e reperti storici ed artistici conservati nei musei ossolani e concludere il percorso in uno dei numerosi ristoranti che hanno aderito all’iniziativa.

Italiano

museo

Apertura:
su prenotazione

La raccolta ospita pregevoli opere d’arte sacra (sculture e dipinti) un tempo sparse nelle chiese del paese e databili tra il XIV ed il XVIII secolo. La più antica delle opere di statuaria è la scultura lignea di S. Antonio Abate (XIV sec.) un tempo conservata nella cappelletta alpestre di Casalecchio; vi sono inoltre una Madonna del Rosario del XV sec., una statua di S. Marta del Cinquecento e diverse opere importanti del Seicento tra cui quattro preziosi reliquari attribuiti allo scultore Giulio Gualio di Antronapiana e, di particolare interesse artistico, il gruppo del “Compianto di Cristo Morto”, formato da otto statue in legno di pioppo dipinte con dorature (1612). Da segnalare infine il primo altare ligneo di stile barocco (fine XVII secolo) proveniente dal Santuario della Guardia. Fra i dipinti, si conserva una secentesca Ultima Cena di autore ignoto proveniente dalla cripta di S. Marta nella chiesa parrocchiale, e cinque grandi quadri raffiguranti S. Pietro e i quattro Evangelisti un tempo collocati nel Santuario della Guardia. La  biblioteca storica annessa al museo contiene opere, dal XVI al XIX secolo, generalmente di teologia, provenienti dalla biblioteca privata di don Giovanni Battista Cracchi che fu parroco di Ornavasso dal 1849 al 1903. L'archivio storico parrocchiale, modernamente ordinato e di agevole consultazione, conserva importanti documenti per la storia di Ornavasso, fra cui una copia a stampa degli Statuti del 1575.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti tramite Facebook
... oppure inserisci la tua email
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)
Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che:
a) titolare del trattamento è Associazione Musei Ossola, 28845 Domodossola (VB), Via Canuto,12
b) responsabile del trattamento è Associazione Musei Ossola, 28845 Domodossola (VB), Via Canuto,12
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.