Musei dell'Ossola


 

Chiesa San Gaudenzio Baceno BACENO Via Marconi n.51

L'attuale edificio, monumento nazionale, è frutto di un interessante sovrapporsi di ampliamenti di epoche diverse. La prima testimonianza della chiesa è in un documento del primi anni dell'XI sec.  ove è citata una "cappellam" donata ai canonici di s. Maria di Novara da Gualberto, vescovo di Novara dal 1032 al 1039.
La cappella, dedicata a S. Gaudenzio, primo vescovo di Novara (337-417). si presentava a pianta rettangolarei occupava l'area dell'attuale presbiterio.

Torre di Varzo VARZO Piazza della Torre

E' una costruzione massiccia, in pietra di granito, situata a fianco del Municipio, nel cuore del Centro Storico. Esisteva già nel 1300 quando furono redatti gli Statuti della Valle. Fa corpo con essa, la costruzione che ospita la Trattoria Derna, già osteria per i cavallanti addetti al trasporto delle merci oltre il Sempione nel XIV sec. Infatti, la ex panetteria "La Varzesina" era una "sosta" per le merci e il luogo in cui si radunava il Consiglio della Valle agli inizi del millennio, al suo interno, si possono vedere i soffitti a volte incrociate, come all'interno della trattoria.

Civico Museo di Palazzo San Francesco DOMODOSSOLA Piazza Convenzione

Il museo ospita la sezione vigezzina della civica pinacoteca, oltre ad una sala di visibilità del sistema culturale e paesaggistico delle valli ossolane, che illustra l’offerta culturale e naturalistica del territorio ossolano. Un filmato multimediale presenta il territorio a fini promozionali, risultato del Tavolo di lavoro del progetto di valorizzazione (Pdv) denominato “Terre di Pietra e di Passo”, promosso dalla Regione Piemonte.

Museo Parrocchiale di Arte Sacra di Ornavasso ORNAVASSO Via Di Dio 99

La raccolta ospita pregevoli opere d’arte sacra (sculture e dipinti) un tempo sparse nelle chiese del paese e databili tra il XIV ed il XVIII secolo. La più antica delle opere di statuaria è la scultura lignea di S. Antonio Abate (XIV sec.) un tempo conservata nella cappelletta alpestre di Casalecchio; vi sono inoltre una Madonna del Rosario del XV sec., una statua di S.

Museo d’Architettura Sacra CREVOLADOSSOLA di fianco alla chiesa

Il museo illustra l’evoluzione storico-artistica dell’architettura sacra ossolana ed approfondisce la splendida chiesa dei SS. Pietro e Paolo di Crevoladossola.

Civico Museo Palazzo Silva DOMODOSSOLA Ingresso piazza Chiossi,1

Casa Museo rinascimentale, con collezione di oggetti d’arte, armi, arredi, suppellettili. Dell’esistenza del palazzo, antica dimora di città della nobile famiglia Silva di Crevoladossola, si hanno tracce già a partire dal 1348. Diversi interventi modificarono negli anni l’aspetto dell’edificio fino alla fine del 1700 quando, con l’estinzione dei Silva, il palazzo venne diviso e ulteriormente trasformato.

Scuola di Belle Arti Rossetti - Valentini SANTA MARIA MAGGIORE Via Rossetti Valentini 1

Oggi la “Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini” è un un segno di distinzione per la “Valle dei Pittori”, mentre un tempo costituiva un mezzo pratico di sussistenza. Consentiva infatti ai giovani valligiani di apprendere il disegno e la pittura in misura sufficiente a guadagnarsi la vita oltre i confini. Nei secoli scorsi erano più di una in Valle le scuole di pittura a pagamento e numerosi i giovani vigezzini

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti tramite Facebook
... oppure inserisci la tua email
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)
Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che:
a) titolare del trattamento è Associazione Musei Ossola, 28845 Domodossola (VB), Via Canuto,12
b) responsabile del trattamento è Associazione Musei Ossola, 28845 Domodossola (VB), Via Canuto,12
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.